Monthly Archives: agosto 2014

Lavori finiti al GdM

la-nuova-veste-del-gdm-.jpgla-nuova-veste-due.jpgscorcio-dal-capanno.jpgscorcio-del-lamineto-del-gdm-IMG_2781.jpgsi-adeguano-le-quote-IMG_2778.jpgtifa-latifolia-al-dgm-IMG_2775.jpg
Bene, adesso la zona umida del GdM è come voglio io. Un’intensa giornata di lavori e ha cambiato letteralmente faccia. Tolte tutte le ricrescite di salicacee nelle aree non allagabili e sfoltite le tife che avevano colonizzato prontamente ma estesamente. Le aree che non riuscivo ad allagare adesso sono come volevo . Sto già allagando nuovamente. Allargata la zona umida nella parte a prato che non serviva e rialzati gli argini per una migliore tranquillità dell’area. Posata finalmente la prima parte del capanno. Gradite sorprese piccoli di gallinella di pochi giorni (3 max direi) in giro nelle tife che ho lasciato per loro e per l’habitat. Presente una gradita stazione di Potamogeton natans che non vedevo da anni, Poligono idropiper e giunchinella. Presente anche la ludvigia che dovrò controllare bene. Nell’album ho rimesso una fotografia fatta ieri per ricordarvi com’era!!

Share Button
Posted in Uncategorized

Last news dal GDM

butomus-al-gdm-.jpgninfee-al-dgm-IMG_2773.jpgdgm-IMG_2768.jpggrillaio-al-dgm-.jpgmarsilea-al-dgm-IMG_2763.jpg
E’ ora di aggiornarvi un pò su quanto accade al dgm. Le sorprese non mancano, la lista è oltre ogni aspettativa. Forse domani inizieremo (se non mi fa il bidone il mio amico Afro con lo scavatore) i lavori di allargamento e rifinitura delle problematiche legate ad una buona gestione e preparare il tutto per la stagione autunnale. La crescita della vegetazione ha superato ogni + rosea aspettativa e al GDM ci sono al momento le piante acquatiche più rare ed in pericolo d’estinzione della regione emilia-romagna. Altri progetti per immettere piante rare in alcune riserve della provincia hanno dato esiti negativi (no comment) spendendo  cifre superiori alle mie spese sostenute al momento. Con questi lavori intendo migliorare definitivamente le aree interne, purtroppo con il dozer abbiamo si creato un buon habitat, che ha permesso la riproduzione di 9 coppie di Cavaliere d’Italia e 3 di Pavoncella, una di Gallinella d’acqua e due di Cannaiola verdognola, ma per riuscire a fare un ambiente ricco e facile da gestire manualmente devo operare mettendo in pratica alcuni segreti che ho imparando gestendo torrile. Al momento sono state individuate 9 specie diverse di libellule, tra le quali la rara Aeshna isosceles,  e l’Anax parthenope, che non vedevo da anni, entrambe legate al tifeto per la riproduzione. In questi giorni il livello dell’acqua non è quello ottimale per permettere i lavori di movimento terra. Fra le piante acquatiche ci sono attualmente 6 (dico sei) stazioni diverse di Marsilea quadrifolia e 5 di associazione con Hippuris vulgaris. Il lamineto sta crescendo come vedete dalle fotografie e a parte la Tipha latifolia (in diminuzione ovunque per il livello di inquinamento la gestione sbagliata e la Nutria), sono presenti alcuni carici e Butomes umbellatus dalle splendide fioriture. Con i lavori riuscirò finalmente a mettere al suo posto il capanno e poi inizieremo a fotografare. Tra gli uccelli Falco cuculo e Grillaio, Gheppio e Lodolaio in caccia; Sgarza ciuffetto e Cutrettole, non ne vedevo così da anni. I pesci stanno diminuendo la riproduzione ma si riprenderanno alla grande appena rifatto il livello ottimale. Godetevi le foto realizzate dieci minuti orsono, quasi in diretta.  Nei prossimi articoli vi aggiornerò sui risultati.  Dimenticavo oggi mentre entravo per fare le fotografie mi è ripartito  ( era già volato via un individuo giovedi scorso) da sotto i piedi tra la marsilea un Re di Quaglie. Purtroppo niente foto, avevo l’obbiettivo corto… Mi toccherà fare un appostamento ad hoc dopo i lavori se sarà ancora qui!!! Un saluto. Maurizio!

Share Button
Posted in Uncategorized