Svezia, Finlandia e Norvegia 1993

Terzo viaggio in Scandinavia. Questa volta con gli amici Carlo Fietta e Luigi Maini. Partiti dall’Italia con la mia seconda “Tata” (Discovery) attrezzata di tutto punto e con il pieno di cibi italiani da consumare lungo il viaggio.

 

In Finlandia, sopra il circolo polare artico, dopo la città lacustre di Inari, ci si ferma in una bellissima palude interna, protetta, presso Caamanen. Motivo della sosta? Cercare di fotografare Pesciaiola, Combattenti in parata e Orco marino.

Aspettando i Combattenti che a 30 metri da noi facevano le parate all’arrivo di una femmina, ci sediamo e “apparecchiamo” per un lauto spuntino a base di Carne di renna in scatola (Poron), tonno finlandese e maionese italiana, pane finnico. Ricordo che Carlo era restio a mangiare la renna, ma dopo i primi assaggi apprezzò questo cibo nordico dicendo: “sembra carne in scatola”!; alchè tra le risate chiarimmo che  la carne che avevamo comperato era in scatolette come in Italia, come si evince dalla fotografia, ma che la renna essendo la colonna portante delle proteine dei lapponi si poteva mangiare anche in altri modi, come successivamente avvenne, ma che anche in Finlandia avevano imparato a conservarla come in Italia!.

si-mangia

 

 

Partiti dall’Italia abbiamo ormai percorso più di seimila chilometri e siamo arrivati alla nostra meta più lontana, la penisola di Varanger.

Strola minore sul nido. Fotografia fatta con la luce delle una di notte e con 4 gradi di temperatura.

Strola minore sul nido. Fotografia fatta con la luce delle una di notte e con 4 gradi di temperatura.

Norvegia-1993-il-lago-delle-strolaghe

Share Button